PER LA RICERCA NEL SITO

 Indice argomenti principali    

..

   
 Stampa   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e/o di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze.Se prosegui nella navigazione accetti il loro utilizzo. Per info leggi L'INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA 

 Dichiarazione per la Privacy

Inizia un affascinante viaggio verso i

Luoghi del mistero

storie e curiosità di luoghi misteriosi da visitare, Ori e tesori da trovare, Misteri e curiosità delle piante e del cibo, Storie di Eroi Minori, Guide in pdf da scaricare gratis

Buon Viaggio
  Link dei luoghi misteriosi suddivisi per regione geografica

Indice generale della sezione ERBE:

A; B; C; D; E; F; G; H; I; L; M; N; P; O; Q ; R ; S; T ; U ; V; Z ;

Vai alla sezione: ALIMENTI

 

In questa pagina:   SANTOREGGIA ;  SALVIA

 

SANTOREGGIA


Stimolante e riequilibratore dell'intelletto e soprattutto delle ghiandole cortico-surrenali (organi che forniscono l'adrenalina).
Afrodisiaco, antisettico, antiputrido, vermifugo.
È quindi da somministrare durante i periodi di stress o sovraccarico fisico, mentale o emotivo.
Essendo afrodisiaco tende a tirare su, nei momenti più «bui».
Fisicamente dà la carica tramite la ghiandola cortico-surrenale che si tonifica, mentalmente la persona rende di più a seguito del suo effetto stimolante.
Molto utile nelle cure dimagranti, nella perdita della memoria (per gli studenti dall'età della scuola media in poi),  aiuta a star svegli mentalmente ed infine è anche energetico.

Utile soprattutto negli stati depressivi e di astenia sessuale.

Una goccia nel dente cariato o frizioni sul dente nei casi di nevralgie dentarie e nei dolori delle carie.
Nei casi di sordità è sufficiente una goccia per volta nell'orecchio.

Per quanto riguarda l'uso culinario considerate che è una pianta aromatica caratterizzata da sapore pungente, quasi piccante, molto simile a quello del timo. Si lega a legumi, carni bianche, uova, verdure crude e cotte che, tra l'altro, rende più digeribili.

La tradizione magica la raccomanda per la sua azione fondamentale sui poteri mentali oltre che per il suo utilizzo nella magia rossa a seguito del suo alto poteri per i legamenti d'amore.

Fate come il vizioso re Sole, Luigi XIV, che pare ne fosse un gran consumatore che la usava frequentemente per i suoi bagni stimolanti e… afrodisiaci. Preparazione: portate ad ebollizione 2 litri di acqua, levatela dal fuoco e mettetevi in infusione per mezz’ora 50 gr di santoreggia, 50 di rosmarino, 50 di salvia e 50 di verbena odorosa. Filtrate a aggiungete l’infuso nell’acqua del vostro bagno. Dopo 20 minuti vi sentirete come nuovi e pieni di energia

Stavolta le controindicazioni non ci sono, se non quella di ricordare che le qualità stimolanti la rendono poco adatta a chi soffre di insonnia.

Torna ad inizio pagina    Torna all'indice generale