Login    sabato 21 ottobre 2017  

 

 

 INDICE GENERALE    

INDICE DEL SITO

Dove andare in 

NORD ITALIA    

CENTRO ITALIA    

SUD ITALIA   

ISOLE MAGGIORI

-

MAROCCO

   
  

PER LA RICERCA NEL SITO


Indice generale della sezione ERBE:

A; B; C; D; E; F; G; H; I; L; M; N; P; O; Q ; R ; S; T ; U ; V; Z ;

Vai alla sezione: ALIMENTI

 

In questa pagina:

Acanto ; Aconito ; Amaranto; Artemisia; Asclepiade; Asperula; Assenzio; Anice (in concorso) ;

 

 

Acanto (acanthus mollis):

La magia ha sempre attribuito poteri particolari a questa pianta.

L'Acanto è la pianta di Marte, molto propizia per infusioni di forza e di coraggio nei momenti cruciali dell'esistenza. L'Acanto aiuta a chiarire situazioni aggrovigliate, a risolvere problemi spinosi, a superare difficoltà; ma attenzione bisogna saperla impiegare bene. Infatti va impiegata solo nelle ore diurne di Marte e nei gioni di Giove altrimenti potrebbe poredisporre all'imprudenza, alla colera, alla violenza,
alla precipitazione.

 

 

 

 

 

 

 

  Aconito  (aconitum napellus):

L'aconito è una pianta spontanea, perenne e cattiva perchè è fortemente tossica.

 L'Aconito già conosciuto dagli antichi come pianta magica entra nella leggenda delle magie varie: sembra che, mescolato con gli alimenti, produca una tale insensibilità da far sembrare le persone morte. La leggenda racconta che questa pianta sia nata dalla bava di Cerbero, allorquando Eracle portò via dall'Ade il feroce mastino.
Considerate che l'aconito contiene l'aconitina che è un veleno potentissimo che gli antichi cinesi ed indiani conoscevano benissimo ed adoperavano per avvelenare la punta delle frecce. Statene lontani ed, ad ogni modo, ricordatevi che i primi sintomi si manifestano con prurito e formicolio, cui seguono senso d'angoscia e respiro difficile ed infine sopraggiunge la morte.
 

 

 Amaranto (amarantus caudutus)
 

La magia considera l'amaranto, secondo l'espressione degli occultisti, una pianta "scolare". Pare che il suo fiore, conservato in sacchettini e portato sulla persona, favorisca l'equilibrio fisico, aiuti a conservare la salute ed a prolungare la giovinezza. Gli antichi attribuivano all'amaranto il potere di rendere immortale chi portava il suo fiore.

 

 

Artemisia

Volete camminare più velocemente? Volete essere cavallerizzi fantastici, cavalcare più a lungo? Bene, fasciatevi le gambe con striscie di pelle di lepre, tagliate da una bestia giovane, nella quale cucirete delle artemisie seccate all'ombra. Si tratta di una ricetta infallibile secondo un antico manuale di magia bianca.

 

Ma l'artemisia ha anche un suo posto nella magia nera.

 

Un mazzolino di artemisia, colto prima dell'alba nella mattina di San Giovanni, è considerato un amuleto protettivo potentissimo contro il malocchio.

Raccoglierla non è difficile: vive nelle vicinanze delle case, tra le macerie, sui margini delle strade e delle ferrovie; è alta circa un metro, ramificata e verde scuro ) la vedete nella foto).

 Lo sapevate che l'artemisia prende il nome dalla dea Artemisia, divinità che veglia sulle donne durante le malattie.
 Provate a metterla nelle scarpe, allevierete la stanchezza.


 

Asclepiade (asclepias vincetoxicum)

 La sua importanza veniva riconosciuta nelle più antiche civiltà magiche della terra.
 

Il nome viene dal latino aslepias che a sua volta deriva dal greco asklepias, che a sua volta lo mutua da Asclepio, dio della medicina.

Quindi per gli antichi greci questa pianta era ricercata per le sue proprietà medicamentose. In effetti quella ricercata era la radice ed è tuttora utilizzata come eccitante, emetico e diuretico.

Gli antichi Indù ne ricavavano una bevanda che chiamavano “sprazzo della sostanza eterea” ma il nome indù era “soma”. Nei libri sacri indù è scritto: “Noi bevemmo il soma, noi divenimmo immortali”.

 

 

Asperula (asperula odorata)

 Ottima come bevanda da bere la sera, l'infusione d'asperula fa bene e la si può utilizzare al posto del thè, che è pur sempre un eccitante.
 

Nei paesi dell'Est Europa ed in Germania con l'asperula si fa un vino che spedisce in “euforia”; si chiama “vino di maggio”.

 

Lo sapevate che l'asperula ha la sua benefica influenza anche nella produzione del latte e dei formaggi. Infatti con l'asperula si profumano i foraggi e migliora la secrezione lattea dei ruminanti.

 


 

Assenzio (artemisia absinthium)

L'assenzio comune è chiamato anche “erba santa” perchè ha proprietà medicamentose ma è anche una potente bevanda alcolica richiamata spesso da vari famosi scrittori. Zola ne fa fare un buon uso ai suoi personaggi, Baudelaire lo cita spesso nei suoi “Fleurs du Mal”. Soprattutto come bevanda alcolica è stato di moda nel 19° secolo ma l'assenzio ha anche un'altra proprietà che sebbene meno affascinante è da ritenersi particolarmente utile.

 La sua essenza riesce a tener lontani gli insetti.

 Se avete un cane prendete un pugno di assenzio, fatelo bollire nell'acqua per un ora e mezzo, poi togliete dal fuoco; una volta che l'acqua si è raffreddata, prendete l'erba e con questa strofinate il cane a contropelo, poi lavatelo con l'acqua della bollitura. Le pulci moriranno soavemente.

Se volete sapere tutto sull'assenzio leggete il codice miniato di Discoride, risalente al XIV secolo, conservato nella biblioteca del Seminario di Padova.

 Luoghi Misteriosi in Italia    

Dove andare per scoprire

i luoghi più misteriosi

e curiosi in Italia

Abruzzo e Molise

   Basilicata

  Calabria

   Campania

 Emilia e Romagna

 Friuli Venezia Giulia

Lazio

  Liguria

   Lombardia

   Marche

   Piemonte

   Puglia

  Sardegna

  Sicilia

 Toscana 

 Trentino Alto Adige

 Umbria

Valle d'Aosta 

Veneto

   
 Stampa   

DOVE TROVARE UN TESORO ? SE SEI ALLA RICERCA DI UN VERO TESORO....ORO, AMICI, AMORE, CULTURA ?  CERCA QUI.

Se le hai provate tutte e non hai trovato un vero tesoro....allora prova qui

Oppure prova questa selezione

 

 


Vi invitiamo ad approfondire l'argomento "cookies" e vi informiamo che questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi bloccare l'utilizzo dei cookies o solo avere maggiori informazioni vi invito a leggere: - Norme sulla privacy seguite da Google - da EADV e anche QUESTA SPECIFICA INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA (cliccare sulle frasi sottolineate):

 

Se non hai capito o non riesci a bloccare i cookies, esci da questo sito ma se continui nella navigazione accetti il loro utilizzo.

È concesso  il permesso di copiare, distribuire e/o modificare i testi nostri e di Wikipedia secondo le condizioni delle licenze Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC-BY-SA) e, se non indicato diversamente, GNU Free Documentation License, versione 1.3 o qualsiasi altra versione pubblicata successivamente dalla Free Software Foundation,
 
E' obbligatorio menzionare come fonte questo sito
   Erbe e piante tra magia e mistero
Copyright (c) Krsna Deva   Dichiarazione per la Privacy