Indice argomenti principali    

..

   
 Stampa   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e/o di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze.Se prosegui nella navigazione accetti il loro utilizzo. Per info leggi L'INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA 

 Dichiarazione per la Privacy

Inizia un affascinante viaggio verso i

Luoghi del mistero

storie e curiosità di luoghi misteriosi da visitare, Ori e tesori da trovare, Misteri e curiosità delle piante e del cibo, Storie di Eroi Minori, Guide in pdf da scaricare gratis

Buon Viaggio
  Link dei luoghi misteriosi suddivisi per regione geografica

 CONCORSO LUOGHI E MISTERI    

Concorso Social di Luoghi e Misteri

2° edizione - concorso 2012

Cat.  Luoghi e Tesori, dove cercare e trovare tesori

Fortezza/Franzensfeste (BZ)

Adagiata in una delle vallate più belle del Sud Tirolo, nella Val d’Isarco, come un antico guerriero, si erge un’ imponente struttura difensiva che ha dato il nome al paese limitrofo: Fortezza, o come la chiamano gli abitanti della regione Franzensfeste. La struttura fatta costruire nel 1830 c.a. ad opera degli Asburgo come sbarramento difensivo per eventuali attacchi provenienti da sud, in realtà non ha mai visto nessun nemico e dalle sue alte mura non sono mai stati sparat i colpi di risposta.

Voluta da Francesco I la fortezza ha da lui preso il suo nome “Franzensfeste”che in lingua tedesca vuol dire appunto la fortezza di Francesco.

Durante la seconda guerra mondiale la fortificazione viene utilizzata dai tedeschi come deposito. La sua struttura viene ampliata ed è proprio in questo periodo storico che questo luogo imponente e minaccioso diviene anche misterioso.
La leggenda vuole che all’interno delle sue impenetrabili mura si celi un tesoro inestimabile: il tesoro della Repubblica di Salo’.

La storia dice che nel ’43 un treno fortemente vigilato, arrivò attraverso lo snodo ferroviario ed entrò dentro la fortezza. Il suo carico segreto venne stoccato nei profondi cunicoli scavati dai prigionieri di guerra, ma solamente pochi uomini coinvolti nelle operazioni conoscevano il contenuto delle pesanti casse di legno scortate e guardate a vista dai soldati : 130 tonnellate di oro, provenienti dalla Repubblica di Salò. Il leggendario tesoro ,conteso tra gli italiani ed i tedeschi, finì per essere conservato al sicuro nelle profondità della fortezza, di fatto territorio italiano, ma sotto il controllo tedesco.

Nei periodi successivi il tesoro venne a più riprese utilizzato, per finanziare le lunghe e costose operazioni belliche e per suggellare accordi con altri stati vicini. Il principio era sempre quello di depositare parti del tesoro in altri luoghi, situati in nazioni che di fatto finivano per appropriarsene. La Banca d’Italia è riuscita a ricostruire i percorsi delle varie consegne ed a recuperare gran parte del tesoro, anche grazie ai rinvenimenti effettuati dagli americani durante l’ultimo periodo della guerra. Ovviamente è stato impossibile recuperare il tesoro nella sua totalità. Durante le ultime fasi convulse della guerra atti di sciacallaggio
e diserzione erano all’ordine del giorno e molti personaggi, coinvolti da vicino con la storia del tesoro sono fuggiti probabilmente trafugandone delle porzioni che hanno nascosto con l’intento di recuperarlo in seguito .

Negli ultimi tempi sono state effettuate delle ricerche all’interno del forte, alla ricerca dei tunnel segreti e dei resti del tesoro e anche se alcune testimonianze recenti affermano di aver visto treni intrappolati e sepolti in tunnel sconosciuti, non è stato ritrovato nulla di valore o di nascosto.

Il fascino del tesoro scomparso ed i misteriosi cunicoli della fortezza che ne celano i segreti, esercitano tuttavia ancora una grande attrattiva ed ancora oggi qualcuno si avventura nei tunnel alla ricerca del colpo di fortuna.

 

settembre 2012 

Roberto Hunterbrothers


   
 Stampa   

PER LA RICERCA NEL SITO