Indice argomenti principali    
   
 Stampa   

Affascinanti viaggi alla scoperta di storie e curiosità di luoghi misteriosi da visitare, Ori e tesori nascosti da trovare, Misteri e curiosità delle piante e del cibo, Storie di Eroi Minori, Guide in pdf da scaricare gratis

Partenza per il

CENTRO ITALIA

SUD ITALIA

SARDEGNA & SICILIA

  Oppure vai  ai luoghi misteriosi di ogni singola regione

Tipologie

 

Fantasmi, evanescenti creature di tanto in tanto scorte in luoghi antichi.
Eppure di fantasmi ve ne sono di molti tipi, e non necessariamente sono legate a vecchi ambienti come case e cimiteri.
Diciamo che volendo farne una classificazione grossolana potremmo così distinguerli: fantasmi “non interagenti”, fantasmi “interagenti”, apparizioni fantasmatiche non collegate a fenomeni visivi, fantasmi di persone vive, apparizioni di crisi, fantasmi di animali, fantasmi di oggetti, traslazioni temporali, infestazioni, poltergeist, ectoplasmi, altre apparizioni non fantasmatiche, falsi fantasmi.


Fantasmi “non interagenti”

Questi sono, se si vuole, i fantasmi più comuni nell'immaginario collettivo anche se non necessariamente i più diffusi effettivamente. Si tratta di apparizioni a tutti gli effetti: apparizioni di persone o figure umane più o meno distinte, corredate oppure no di suoni, venti freddi, abbassamenti di temperatura, spostamenti di oggetti e altri fenomeni particolari piuttosto tipici; ma la caratteristica principale di queste apparizioni è che esse non interagiscono con i presenti. Il caso d'esempio è la persona che vede il monaco, o la dama, o il cavaliere. È tipico di queste apparizioni il comportarsi come se fossero delle registrazioni temporali, ed è in effetti questa una delle ipotesi avanzate in merito. Il monaco, la dama, o chi per essi, appare e non interagisce con i presenti, non reagisce se sollecitato e si comporta come se stesse ripetendo gesti già fatti: cammina su pavimenti inesistenti, passa in porte ora murate o altre cose simili.


Fantasmi “interagenti”
Sono i fantasmi classici dei libri horror. Sono le persone morte che, per svariati motivi, non sono “passate oltre” e rimangono o ad aiutare i vivi oppure a far loro del male. La caratteristica peculiare di questo tipo di fantasmi, che è il più conosciuto dall'Ottocento in poi, è quella di interagire con i presenti: essi possono parlare, scrivere, dare o prendere oggetti, persino farsi dare passaggi in auto visto il proliferare di testimonianze di gente che in piena notte asserisce di aver tratto a bordo persone che poi sono misteriosamente sparite. A volte essi portano con sé un messaggio per i vivi e spesso appaiono in questo senso nei sogni, ma il più delle volte sembrano volersi mostrare per chiedere o raccontare qualcosa, e come se non fossero tranquilli tendono a tornare in certi luoghi, ad essere legati a certi ambienti od oggetti, a chiedere ripetutamente la medesima cosa. Capitano anche casi in cui fantasmi di questo tipo, quindi interagenti, si comportino come persone che non si rendono conto di essere morte: classico il caso della vecchietta che va dal panettiere come se niente fosse e paga con monete fuori corso, oppure uomini anziani che chiedono vie e numeri civici non più esistenti da decenni.


Apparizioni fantasmatiche non collegate a fenomeni visivi
In questo tipo di apparizioni la vista non è il senso più sollecitato. Possono consistere in voci indistinte, colpi, passi, suoni, rumori di oggetti che cadono o si rompono, porte che sbattono, e molto altro. Oppure si tratta altri fenomeni non direttamente collegati ad apparizioni visive come spostamenti o sparizione di oggetti e sensazioni tattili di vario genere.


Fantasmi di persone vive
A volte questa tipologia non è contemplata nella categorizzazione dei fantasmi poiché è più nota con il nome di bilocazione, che può essere volontaria oppure involontaria. Si tratta dell'apparizione di una persona viva e sana che si trova in quel momento a distanza o grande distanza rispetto al
luogo dell'apparizione. Qualora la bilocazione sia effettiva e volontaria l'immagine può addirittura fare cose diverse rispetto alla persona fisica e spesso è collegata a persone sante; nel caso di bilocazione volontaria non si parla mai di apparizione fantasmatica. Quando invece il fenomeno non è volontario, il soggetto può non rendersi conto di essere protagonista della situazione; a quanto pare è segnalato un caso storico di un re che si spaventò a morte entrando nel proprio palazzo e vedendo se stesso assiso sul trono.


Apparizioni di crisi
Queste sono a tutti gli effetti considerate apparizioni fantasmatiche, si verificano in modo involontario quando il soggetto sta per morire o è appena morto. Sono molto famose in merito le testimonianze dei parenti dei soldati che morirono durante le due Grandi Guerre: essi vedevano il loro caro arrivare a casa e salutarli oppure camminare per il viale, e scoprivano poi che in realtà davanti a loro non v'era nessuno e che la persona in questione era invece morta proprio nella data in cui era stata vista presso casa.


Fantasmi di animali
Si tratta, come dice il nome stesso, dell'apparizione di animali di vario genere, e queste sono principalmente di due tipi. Il primo tipo è l'apparizione di un animale in quanto tale, spesso di un animale morto da poco, ed esso può interagire con le persone presenti comportandosi per esempio come ha sempre fatto da vivo, oppure può presentarsi come un fantasma “non interagente”. Il secondo tipo è invece un genere di apparizione dove l'animale non è né somigliante ad animali reali né benevolo: questi fenomeni sono sempre interagenti e di solito si presentano sotto forma di cani o asini pressoché “disumani”, se mi è concesso il termine, ovvero non come cani e asini reali ma piuttosto come creature demoniache, spesso corredate di caratteristiche del tutto peculiari come occhi rossi, vello nero, fiato infuocato o altro.


Fantasmi di oggetti
Si tratta dell'apparizione, non sempre innocua, di oggetti inanimati. Può trattarsi di monete, gioielli, scatole, camini, case intere... ma persino carrozze o autobus. C'è un luogo famoso, o forse famigerato, in Inghilterra, dove molte vetture sono finite fuori strada tentando di evitare un vecchio autobus che viaggiava in contromano. Inutile dire che quell'autobus non era dotato di consistenza fisica.


Traslazioni temporali
Si tratta di veri e propri “scivolamenti temporali”, e così infatti vengono chiamati. Accade cioè che una o più persone si trovino, senza avvertire disagi particolari, in un tempo diverso dal proprio. Per esempio potrebbero trovarsi a camminare per strade non più esistenti, ad entrare in edifici demoliti oppure in rovina che essi vedono e vivono come perfettamente funzionanti, a vedere e in casi particolarissimi a interagire con persone che sono di fatto viventi nell'epoca storica in cui i protagonisti si sono trovati traslati. È famoso il caso di due sorelle che visitando un museo ricavato in una grande villa del Settecento si complimentarono della riproposizione in costume degli attori nel parco retrostante...


Infestazioni
Molto amate dall'horror americano, le infestazioni sono manifestazioni fantasmatiche presenti in alto numero e di vario genere collegate a un luogo specifico, solitamente una casa o un edificio, ma anche un luogo aperto può dirsi infestato. È famoso il caso della Canonica di Borley.


Poltergeist
Non è una vera e propria manifestazione fantasmatica, ma rientra di solito nel quadro delle manifestazioni psichiche. Si tratta di violenti spostamenti di oggetti, solitamente si tratta di lanci di
oggetti o forti cadute, in casi particolari esplosioni (per esempio di bicchieri o bottiglie) e in casi ancora più esigui forti colpi senza causa riscontrabile. Fenomeno apparentemente non collegato a fenomeni di tipo primariamente spiritico (che io preferisco chiamare fantasmatico onde evitare d’incorrere in equivoci terminologici), sembrano a volte essere collegati alla potenza telecinetica di menti disagiate o fortemente stressate. Non è comunque escluso che anche i poltergeist siano collegati o si presentino in concomitanza con apparizioni fantasmatiche di altro tipo, e a volte il poltergeist stesso può rivelarsi come un’entità a sé stante.


Ectoplasmi
Erroneamente usato il termine come sinonimo di fantasma, essi invece non sono apparizioni fantasmatiche. Si verificano solo in presenza di un medium (mentre le apparizioni fantasmatiche sono generalmente spontanee, anche se la presenza di medium consapevoli o inconsapevoli può favorirle) e si presentano in modo fisicamente solido. Sono forme, figure, o brani corporei che si estrinsecano dal corpo di un medium in trance sottoforma generalmente di una sostanza biancastra e vischiosa che prende man mano forma fino a staccarsi parzialmente o completamente dal medium e agire animata da volontà propria. L'ectoplasma svanisce rientrando nel corpo del medium prima che questi si svegli dalla trance.
Apparizioni non fantasmatiche di vario tipo
Ovvero apparizioni di altro tipo, per esempio apparizioni religiose, oppure figure nere con caratteristiche particolari, che non rientrano nel campo dei fantasmi veri e propri e che tali non sono considerati.


Falsi fantasmi
Categoria assai importante da tenere presente durante lo studio dei fenomeni fantasmatici, i falsi fantasmi sono tutte quelle apparizioni o testimonianze che tali non sono. E non si parla soltanto di falsi voluti, o di inganni orchestrati ad arte per mettere nel sacco il prossimo. I falsi fantasmi sono spesso involontari, trattandosi per esempio di miraggi, riflessi di luce, doppie esposizioni nelle pellicole, otturatori lasciati inavvertitamente aperti, che possono produrre effetti veramente considerevoli ma che nulla hanno a che fare con un possibile studio nel campo.

 

20 settembre 2012

Beatrice G.