Login    venerdì 24 maggio 2019  

 Informazioni    

. .

   
 Stampa   

Alpe della Luna e Montedoglio

Vicino Urbino e Sansepolcro,  tra Toscana e Marche

Per molti secoli Montedoglio fu capoluogo di contea,  dapprima appartenne a un ramo dei nobili di Caprese, d'Anghiari, di Galbino e Montauto, più tardi fu occupato dai Tarlati, poi pervenne agli Schianteschi di Sansepolcro, finchè all'estinzione di questi ultimi il Castello di Montedoglio con il suo distretto fu riunito al Granducato di Toscana nel 1797.

Gli eremiti di Camaldoli all'inizio del secolo XII acquistarono giurisdizione in Montedoglio, prima per donazione fatta loro da Bernardino figlio di Sidonia  quindi da parte degli altri nobili di Galbino.

Nei secoli successivi i signori di Montedoglio si allearono con la famiglia dei Tarlati ed estesero il loro controllo sulle città di  Arezzo e pervennero eziandio a dominare in Città di Castello, in Montedoglio, nel Borgo S.Sepolcro, nel distretto di Massa-Verona e in molti castelli della Massa-Trabaria.

Nel Medioevo, quindi, i signori di Badia Tedalda erano i conti di Montedoglio e di Chiusi.

 

In una di quelle feste tanto frequenti all'epoca, ed a cui noi oggi rimpiangiamo di non essere stati presenti, il conte Manfredi di Montedoglio conobbe Rosalia e si innamorarono.

I genitori di Manfredi, però, non approvavano ed osteggiavano il loro amore ma i giovani s'incontravano ugualmente.

Nelle notti di luna piena Rosalia diceva a Manfredi:

"Se quando la luna sembra appoggiata all'Alpe, uno potesse toccarla, potrebbe chiedere ciò che vuole e sarebbe esaudito. I vecchi raccontano che sull'alpe della luna ci sono immensi tesori;  nessuno è mai riuscito a toccare la luna e a prendere i tesori. Le leggende tramandano che non bisogna andarci per rubare i tesori della luna, perchè l'alpe è della luna e lei uccide chi osa avvicinarsi".".

In una notte più malinconica che mai, decisero di trovare il magico tesoro che gli avrebbe permesso di vivere la loro storia d'amore. Saliti sui loro cavalli partirono nella notte.

Non fecero più ritorno ed i boscaioli e i carbonai dell'alpe raccontano ancora che nelle notti di plenilunio odono il galoppo di due cavalli e vedono due ombre vicine con le mani protese in alto nel tentativo di toccare la luna.

A parte la bella storia d'amore, mi ha colpito il particolare dei "tesori della luna" perché dalle antiche cronache apprendiamo che il MONTE D'oglio, MONTEDOGLIO intorno all'anno mille era chiamato Montr D'oro (Mons Auri). Perché a questo poggio sulla sinistra del Tevere, fu dato il nome di Monte d' Oro ? Mi piacerebbe fare qualche sondaggio....

Altra leggenda del luogo narra che a Ripa della Luna, che ha la forma di una falce di luna, quasi un'anfiteatro naturale e che si trova nell'alpe della luna, si svolgessero antichissimi riti legati alla luna in epoche antichissime.

In seguito alle ricerche condotte dall’Università di Siena e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana in collaborazione con il Gruppo Ricerche Archeologiche di Sansepolcro (GRAS) e il Centro Studi sul Quaternario Onlus (CeSQ onlus), sappiamo che il territorio dell’Alta Valtiberina fu abitato dall’Uomo preistorico fino da tempi molto antichi, ossia dal Paleolitico medio (130.000 – 35.000 anni fa), periodo nel quale l’Europa era popolata dall’Uomo di Neanderthal (Homo neanderthalensis).

Mi ha sempre affascinato questa razza "umana" forse anche più umana dell'Homo sapiens e che si è estinta tra i 40.000 / 20.000 anni. Era una popolazione pacifica e che ci ha lasciato vari manufatti che testimoniano una sua elevata intelligenza, dalla dimensione del cranio forse anche maggiore dell'uomo sapiens; senz'altro pacifica. Mi affascina immaginare che potrebbe essere forse quella razza a cui fanno riferimento molte leggende su popoli magici. A tal proposito vi invito a leggere l'articolo su Angera con il mistero della grotta delle fate e della fantastica porta verso....

Altro mistero: un eremo di monaci scomparso proprio nel monte Sant'Antonio.

Per chi volesse partire alla sua ricerca, o anche solo per visitare i monti della Luna, vi segnaliamo il Bed & Breakfast, dicono posto proprio sotto l'eremo

sparito,  a Valdericarte  a Borgo Pace in Località Valderica. Questo B&B è in unCascinale del '700 in pietra e cotto  completamente ristrutturato in un creativo stile rustico. Completamente auto alimentato ed eco-sostenibile è un fuori abitato in mezzo al bosco, a 2 km dal centro abitato di Lamoli.

E non perdete Il "Palio dei Castelli della Badia Tedalda" è il momento del ritorno al nostro passato più remoto, è il momento in cui le nostre più profonde tradizioni storiche tornano ad essere realtà.

Una realtà che ci affascina ed a cui il nostro pensiero corre spesso con un intimo languore anche se la ragione ci dice che quel passato fu momento di dolore e sopraffazione per molti, per il diletto di pochi.

 

Altri luoghi misteriosi della Toscana

Affascinanti viaggi alla scoperta di storie e curiosità di luoghi misteriosi da visitare, Ori e tesori nascosti da trovare, Misteri e curiosità delle piante e del cibo, Storie di Eroi Minori, Guide in pdf da scaricare gratis

Partenza per il

CENTRO ITALIA

SUD ITALIA

SARDEGNA & SICILIA

  Oppure vai  ai luoghi misteriosi di ogni singola regione

 Indice argomenti principali    

   
 Stampa   

data-full-width-responsive="false">

   BELLEZZE_CENTRO_ITALIA * posti da vedere nelle Marche * Alpe della Luna
Copyright (c) Krsna Deva   Dichiarazione per la Privacy