Questo sito utilizza cookie tecnici propri e/o di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze.Se prosegui nella navigazione accetti il loro utilizzo. Per info leggi L'INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA 

 Dichiarazione per la Privacy

 

..

Inizia un affascinante viaggio verso i

Luoghi del mistero

storie e curiosità di luoghi misteriosi da visitare, Ori e tesori da trovare, Misteri e curiosità delle piante e del cibo, Storie di Eroi Minori, Guide in pdf da scaricare gratis


Buon Viaggio
 

Elenco dei luoghi misteriosi suddivisi per regione geografica

 

Museo e Tesoro del Duomo di Monza,

già Museo Capitolare del Duomo Filippo Serpero.

Dapprima ampliato nel 1965 ed ora interamente sotterraneo, è stato definitivamente ed ulteriormente ampliato e aperto al pubblico nel 2007. Vi si accede dalla base del campanile del Duomo.

Il museo conserva moltissime opere dell'epoca tardo imperiale e dell'alto medioevo, soprattutto il tesoro Longobardo composto da moltissime suppellettili liturgiche donata dalla cattolicissima regina dei Longobardi Teodolinda. Oltre agli oggetti del Tesoro Longobardo vi sono conservate molte opere d'arte dal Trecento al Novecento, mai esposte in   precedenza. Successivamente il tesoro è stato incrementato da Berengario I re d'Italia e dai Visconti.

Al Museo potrete ammirare moltissimi tesori ma quello sicuramente più mistico è la "CORONA DI FERRO" che la tradizione narra essere il dono nuziale alla Regina Teodolinda quando passò a seconde nozze con Agilulfo e che poi rimase nella storia come simbolo di potere e potenza.

E' un cerchio di sei lamine d'oro tempestate di pietre preziose, ma con all'interno un cerchio di ferro che la leggenda narra essere un chiodo della croce di Gesù Cristo. Vien da credere che sia veramente così, leggete il resto della storia e solo un tocco del Cristo poteva riportare la pace in una terra ed in periodo sconvolto da guerre e dolore.

Ma andiamo con ordine


La storia Monza  si intreccia con la storia dei Longobardi ed in particolare del re Autari e della bellissima Teodolinda. Autari e Teodolinda eressero Milano come propria capitale, al posto di Pavia, e utilizzarono Monza come residenza estiva e qui fecero costruire un palazzo e una cappella palatina che poi, nel tempo, sarebbe diventata il nucleo primario del Duomo di Monza.

Il terribile popolo Longobardo fece la sua prima apparizione in Italia ad inizio 500 come mercenari assoldati dal generale Bizantino Narsete. Erano così violenti che appena possibile il generale Narsete li fece ritornare nelle loro terre, la Pannonia. Dopo varie lotte e scontri con le popolazioni vicine, decisero di ritornare in Italia non come mercenari ma come conquistatori.

Siamo nel periodo più barbarico della storia italiana; scontri, lotte, intrighi tra popoli barbari, bizantini e quello che rimaneva dell'antica Roma, si succedevano continuamente ma anche nel più ostile ed arido territorio può nascere un fiore, nella più crudele e feroce popolazione può nascere una storia d'amore.

Quella che nacque tra Autari  e Teodolinda.

Siamo nel 587 e la   guerra tra Longobardi e Franchi ha un attimo di tregua ed il re dei Longobardi Autari cerca di stabilire alleanze con un matrimonio strategico.



Non smetter di leggere e scopri la storia d'amore tra Autari e Teodolinda

 

Il matrimonio di Autari,  suggerito da ragioni politiche, si trasforma invece in un matrimonio d'amore.

Dalla storia passiamo alla leggenda che ha profumo di romanzo e di poesia.
Narra Paolo Diacono: "il re Longobardo Flavio Autari manda ambasciatori in Baviera a chiedere al duca Garibaldo la mano della figlia. Avuta risposta affermativa, volle conoscere la futura sposa. Prepara quindi una seconda ambasceria, a cui partecipa in incognito con uomini che mai avevano conosciuto il re ed alla testa della quale mette un uomo di sua fiducia. Dopo che furono ammessi alla presenza di Garibaldo,  Autari si avvicina al duca di Baviera e gli chiede di vedere la futura regina dei Longobardi per informare il suo re della sua bellezza. Davanti a questa richiesta, Garibaldo fa subito venire la figlia.
AUTARI stupefatto ammira silenzioso la bellezza e la grazia di Teodolinda, ed essendogli piaciuta in tutto disse al duca "Poichè tua figlia è così bella da farci veramente desiderare di averla per nostra regina, noi vorremmo, se tu ce lo concedi, ricevere dalla sua mano una coppa di vino da bere insieme". Fu concesso. La fanciulla prese la tazza, la porse prima a chi si era presentato come capo dell'ambasceria, poi l'offerse all'anonimo che aveva fatto quella richiesta, che bevve e, nel restituirgliela, le toccò la mano con un dito che poi portò alla fronte e poi sulle labbra come adorandolo. La giovane a cui non era sfuggito quel gesto, raccontò, imbarazzata  il fatto alla sua nutrice. Questa le rispose: "Chi ha osato toccarti non può essere che il tuo promesso sposo. Non dir nulla a tuo padre; quel longobardo è degno di averti ". Del resto Autari era allora nel fior della gioventù, aveva un nobile l'aspetto, i capelli ricci e biondi, il suo sguardo era pieno di dolcezza.
 

Ma tornando ai Longobardi e soprattutto a Teodolinda si deve soprattutto a Lei la fine del periodo tremendo, di guerre e carestie, che scosse l'Italia a cavallo del 600.

Questo risultato positivo fu ottenuto anche grazie all'impegno del Papa Gregorio Magno oltre che della regina Teodolinda, che a differenza dei capi degli altri popoli germanici era profondamente cattolica. Si conserva una serie di lettere del Papa Gregorio nelle quali egli rivela la sua stima e la sua amicizia per Teodolinda. Dopo la morte di Autari andò in sposa ad Agilulfo che poco per volta riusci a convertire al cattolicesimo, preparando così la via alla pace.
Molte delle reliquie ora conservate nel Museo di Monza furono inviate dal Papa Gregorio Magno e considerando l'epoca si possono ritenere di grande importanza storica oltre che religiosa.
La vicenda di questa regina costituisce una bella testimonianza circa l’importanza delle donne nella storia.

Per approndire la storia dei Longobardi e della regina Teodolinda potete cliccare qui

Ritorna all'indice della Lombardia


Se preferisci proseguire nella ricerca di TESORI segui questo link

 Indice argomenti principali    

..

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e/o di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze.Se prosegui nella navigazione accetti il loro utilizzo. Per info leggi L'INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA 

 Dichiarazione per la Privacy

 

INDICE ARGOMENTI PRINCIPALI

 Luoghi e Misteri

 

- LUOGHI MISTERIOSI DA VEDERE

 

 - COSA VEDERE IN OGNI REGIONE

 

- ALLA SCOPERTA DI ORO E TESORI

 

- CURIOSITA' E MISTERI DEGLI ALIMENTI

 

- ERBE E PIANTE TRA MISTERO E MAGIA

 

- I MISTERI DI ALTRI MONDI

 

- SPAZIO A DISPOSIZIONE DEI LETTORI / SCRITTORI

 

- Misteri e curiosità del mondo vegetale

- Eroi Minori

- Guide turistiche da scaricare gratis

------------------------

   
 Stampa   

PER LA RICERCA NEL SITO