Login    mercoledì 18 luglio 2018  

---- ....

--Pubblicità inserita da Luoghi e misteri--

 

 Luoghi Misteriosi in Italia    

Dove andare per scoprire

i luoghi più misteriosi

e curiosi in Italia

Abruzzo e Molise

   Basilicata

  Calabria

   Campania

 Emilia e Romagna

 Friuli Venezia Giulia

Lazio

  Liguria

   Lombardia

   Marche

   Piemonte

   Puglia

  Sardegna

  Sicilia

 Toscana 

 Trentino Alto Adige

 Umbria

Valle d'Aosta 

Veneto

   
 Stampa   

PER LA RICERCA NEL SITO


 

 


Se vuoi partire per un viaggio tra cultura, storia e fantasia

IN OGNI REGIONE TROVERAI  LUOGHI AFFASCINANTE DA VISITARE : CLICCA SULLE REGIONI NEL BOX A SINISTRA

SE SEI ALLA RICERCA DI ALTRI MISTERI : TROVI L'INDICE DEL SITO NEL BOX A DX

Oppure scegli tra questa selezione

 

 

Il guerriero di Capestrano

Nel museo archeologico di Chieti è conservata una statua misteriosa ed affascinate che ha dato luogo a molte illazioni. Si tratta del "guerriero di Capestrano" (VI secolo a.C.), così soprannominato perchè rinvenuto in una località a nord-est di Capestrano in una necropoli dell'antica città di Aufinum (Ofena), un borgo medioevale in provincia dell'Aquila.

 

E' senz'altro una delle raffigurazioni più monumentali e impressionanti dell'arte italica, Si tratta di un unicum, di cui gli studiosi non sanno offrire spiegazioni.

 

La statua è alta oltre due metri e raffigura un personaggio dall'abbigliamento insolito, una figura maschile con braccia ripiegate sul petto. Il volto è forse coperto da una maschera. La fattura del copricapo è senz'altro inusitata, copre le orecchie, è a forma di disco con oltre 65 cm di diametro. Il torso e la schiena sono protetti da scudi, mentre un altro riparo, in cuoio o in lamina metallica, sorretto da un cinturone, protegge il ventre. Le gambe recano degli schinieri e i piedi calzano dei sandali. Appesi davanti al petto, il guerriero porta una spada, con elsa e fodero decorati, e un pugnale. La destra regge forse un'insegna di comando o una piccola ascia. Gli ornamenti sono costituiti da una collana rigida con pendaglio e da bracciali sugli avambracci..

 

La figura poggia su un piedistallo ed è sorretta da due pilastrini laterali, sui quali sono incise delle lance. Sul sostegno di sinistra vi è un'iscrizione di cui s'ignora l'origine ed il significato, un'unica riga di testo con verso dal basso in alto e parole separate da punti: MA KUPRI KORAM OPSUT ANANIS RAKI NEVII: Sebbene lungamente esaminata e studiata da linguisti, studiosi ed esperti archeologi non è stato ancora chiarito quale alfabeto sia stato usato e, quindi, in quale lingua sia stata scritta?
La statua è di eccezionale qualità e certamente è in contrasto con il livello di scarsa raffinatezza riscontrabile in opere dello stesso periodo e della stessa zona quali  ad esempio la stele di Guardiagrele, il torso di Atessa,  “le gambe del diavolo” da Collelongo (L’Aquila).

 

L'anatomia del guerriero è riconducibile ai coevi kouroi greci,  mentre molta più cura è stata dispensata nel raffigurare dettagli come le armi, forse per sottolineare il rango e l'importanza del personaggio ma forse anche per lasciare un segnale, un messaggio per l'aldilà o per i posteri.

 

I kouroi e le korai  sono sculture greche, la cui nascita si colloca intorno al VI secolo a.C. e la cui impostazione risente della cultura egizia e tramite questa della cultura sumera.

 

Come si è soliti suddividere i tre stili dei templi greci in ordine dorico, ionico e corinzio, convenzionalmente si divide la scultura greca in dorica, attica e corinzia.

 

 

  •  

    La scultura dorica si sviluppa dal VII-VI secolo a.C. ed è caratterizzata da fattezze tozze e un po' sproporzionate.

     

 

  •  

    La scultura attica si sviluppa dal VI secolo a.C. e cerca di riprodurre le membra maggiormente curve.

     

 

  •  

    La scultura ionica si sviluppa anch'essa nel VI secolo a.C. e ricerca l'armonia e l'equilibrio.

     

 

 

Il mito a cui si fa riferimento per questo tipo di sculture è quello di Kleobi e Bitone

 

Il mito narra come Kleobi (Klèobis) e Bitone (Bìton) fossero i due figli di Cidìppe, sacerdotessa del tempio di Hera. I due giovani si offrono di aiutare la madre, in ritardo nell'andata al tempio. Siccome predisporre i buoi avrebbe richiesto molto tempo, Kleobi e Bitone si offrono di sostituirsi ai buoi e di trainare con le proprie forze il carro della madre per 45 stadi, circa 8 chilometri. Cidippe, estremamente orgogliosa e riconoscente verso i propri figli, prega la Dea affinché premi i due ragazzi. Hera, ricevute le preghiere e commossa del loro atto, li fa sprofondare entrambi in un sonno piacevole ed eterno.

 

In conclusione tutti gli studiosi sono concordi nel ritenere che il Guerriero rappresenta: “ la più importante fra le sculture con una monumentalità ignota ad altre creazioni del mondo italico ” (Bianchi - Bandinelli - Giuliano) ed inoltre molti particolari ci riportano a miti di derivazione forse etrusca o medio orientale, in particolare egizia e sumera, ma comunque certamente inusuale per non dire incoerente con la cultura indigena dell'epoca.

 

Cosa dire quindi ? Chi è il personaggio rappresentato in modo così particolare ? Si tratta senz'altro di una scultura di origine e struttura misteriosa che ci può far percorrere sentieri di fantasia ma che comunque merita di essere vista, non fosse altro per respirare l'area di mistero che trasmette.

Torna all'indice dell'Abruzzo e del Molise                                          

 Torna alla HomePage

 

 INDICE GENERALE    

INDICE DEL SITO

Dove andare in 

NORD ITALIA    

CENTRO ITALIA    

SUD ITALIA   

ISOLE MAGGIORI

-

MAROCCO

   
  


Vi invitiamo ad approfondire l'argomento "cookies" e vi informiamo che questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi bloccare l'utilizzo dei cookies o solo avere maggiori informazioni vi invito a leggere: - Norme sulla privacy seguite da Google - da EADV e anche QUESTA SPECIFICA INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA (cliccare sulle frasi sottolineate):

 

Se non hai capito o non riesci a bloccare i cookies, esci da questo sito ma se continui nella navigazione accetti il loro utilizzo.

È concesso  il permesso di copiare, distribuire e/o modificare i testi nostri e di Wikipedia secondo le condizioni delle licenze Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC-BY-SA) e, se non indicato diversamente, GNU Free Documentation License, versione 1.3 o qualsiasi altra versione pubblicata successivamente dalla Free Software Foundation,
 
E' obbligatorio menzionare come fonte questo sito
   LUOGHI DA VISITARE NEL CENTRO ITALIA * Abruzzo e Molise * capestrano
Copyright (c) Krsna Deva   Dichiarazione per la Privacy