Login    giovedì 17 gennaio 2019  
--

---- ....

--Pubblicità inserita da Luoghi e misteri--

 

 Luoghi Misteriosi in Italia    

Dove andare per scoprire

i luoghi più misteriosi

e curiosi in Italia

Abruzzo e Molise

   Basilicata

  Calabria

   Campania

 Emilia e Romagna

 Friuli Venezia Giulia

Lazio

  Liguria

   Lombardia

   Marche

   Piemonte

   Puglia

  Sardegna

  Sicilia

 Toscana 

 Trentino Alto Adige

 Umbria

Valle d'Aosta 

Veneto

   
 Stampa   

PER LA RICERCA NEL SITO


 


Se vuoi partire per un viaggio tra cultura, storia e fantasia

IN OGNI REGIONE TROVERAI  LUOGHI AFFASCINANTE DA VISITARE : CLICCA SULLE REGIONI NEL BOX A SINISTRA

SE SEI ALLA RICERCA DI ALTRI MISTERI : TROVI L'INDICE DEL SITO NEL BOX A DX

Oppure scegli tra questa selezione

 

Castello di Oria - Brindisi

Ancora oggi, sinistra e tetra, affascinante e cerea come il suo nome, si aggira per le stanze di questo sinistro castello con le poltrone rivestite di pelle umana, la bella e triste Bianca Guiscardi.

 

Di leggende affascinanti e tetre il nostro paese si può dire sia ....sepolto; ve ne sono alcune che hanno resistito per secoli sebbene siano solo il parto di una voce che nel vento si trasmette.

 

Nei nostri territori alcune storie resistono per secoli anche se a volte paiono molto più che irreali dell'irreale, un esempio lo abbiamo qui nel Castello di Oria.

 

Il castello sorse a controllare un'area altamente strategica al confine tra i possedimenti  bizantini nel salento ed i territori conquistati dai goti. Nell' XI secolo fu perno della difesa/controllo dell'abitato e del territorio circostante. Probabilmente ai normanni è riferibile il torrione di forma quadrata, inglobato poi in parte in strutture di epoche successive. Soprattutto in età federiciana (1225-1227), furono apportate varie modifiche al punto che generalmente è ora denominato "castello svevo". Federico II lo ampliò e lo modificò per renderlo anche utilizzabile, secondo il suo costume, come residenza al punto che in occasione del suo matrimonio con Iolanda di Brienne il castello ospitò numerosi ospiti d'onore. Altre importanti modifiche furono effettuate nei periodi successivi, in particolare in quello angioino a cui vanno riferite le torri cilindriche dette "del Salto" e del "Cavaliere".

 

Numerose volte il castello ha dovuto resistere ad assedi, come quello di Manfredi, o a vari  assalti come quello di Giacomo Caldora (1433) o di Pietro de Paz (1504) che non riuscì a prendere la rocca.

 

Il castello fu quindi luogo accogliente per re, principi e cavalieri; oltre agli invitati al matrimonio di Federico II, ricordiamo che vi sostarono la regina Maria d'Enghien (1407), il suo sposo Ladislao re di Napoli (1414), la principessa Isabella di Chiaromonte e il re Ferrante d'Aragona (1447). Un episodio  importante per l'epoca è la partenza di Alfonso II di Napoli da Oria per liberare Otranto dai Turchi (1480). Anche in tempi recenti è stato meta di personalità e studiosi italiani e stranieri quali: Maria Josè di Savoia, Margareth d'Inghilterra, il cardinale Tisserant, principi di casa d'Asburgo, Theodor Mommsen, Paul Bourget, Ferdinand Gregorovius ed altri ancora.

 

Il 15 dicembre 1933 il Comune di Oria cedette il Castello alla famiglia Martini Carissimo, ricevendone in cambio Palazzo Martini, poi adibito a Sede Municipale. I Martini Carissimo restaurarono il Castello con l`ausilio dell`architetto Ceschi. In considerazione dello sforzo profuso dalla famiglia Martini Carissimo, il Re d`Italia Vittorio Emanuele III, volle conferire a questa famiglia il titolo di Conti di Castel d`Oria. Il 2 luglio 2007 il Castello è stato acquistato dalla società Borgo Ducale S.r.l. dei coniugi Giuseppe Romanin e Isabella Caliandro. Il Castello di Oria è Monumento Nazionale.

 

Nel giugno 2011 è sede del matrimonio del figlio di un personaggio politico, ormai sulla via del tramonto e che non è possibile nominare, la cui impronta politica ma soprattutto culturale fu notevole a cavallo del 2000, al punto da influenzare usi e costumi dell'epoca, modificare i rapporti sociali ed umani tra le persone oltre ad aver cercato di mutare lo stesso concetto di giustizia, avversata in quanto ostacolo alla normale operatività piuttosto che considerata come baluardo ai soprusi ed alle ingiustizie dei potenti.

 

A proposito di rapporti tra uomini e donne, secondo la leggenda, nel 1400, in questo castello si rifugiò la bellissima Bianca Guiscardi che qui si suicidò per colpa del potente di turno che voleva possederla.

 

La bella Bianca sembrerebbe ancora oggi abitare il castello, attraversarne il cortile ed affacciarsi alle sue finestre.

 

Un’altra storia che ruota attorno al castello medievale di Oria riguarda la cosiddetta leggenda di “Oria fumosa”: al tramonto, quando i vapori delle vicine paludi si uniscono ai fumi dei camini, fino a poco tempo fa si dice che si alzava una densa foschia che avvolgeva il paese, in tal modo proteggendo le notti della popolazione, celando il paese ad eventuali aggressori.

 

Altre leggende si raccontano, come quella della bambina che degli operai incaricati di alcuni restauri sembra abbiano prima sentito e poi addirittura visto.

 

Tale apparizione avrebbe terrorizzato gli operai a tal punto da indurli a chiedere di essere rimossi dall'incarico e trasferiti.

 

In rete ho anche trovato la testimonianza di una persona che dice di essere a conoscenza dell'esistenza di ... CIMELI DI GUERRA... presi dal conte o da Alfonso II di Napoli nella guerra contro gli infedeli....

 

Questi cimeli sarebbero costituiti da poltrone rivestite di pelle umana.

 

 Indice della Puglia

 INDICE GENERALE    

INDICE DEL SITO

Dove andare in 

NORD ITALIA    

CENTRO ITALIA    

SUD ITALIA   

ISOLE MAGGIORI

-

MAROCCO

   
  
.


Vi invitiamo ad approfondire l'argomento "cookies" e vi informiamo che questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di profilazione di terze parti per inviare pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi bloccare l'utilizzo dei cookies o solo avere maggiori informazioni vi invito a leggere: - Norme sulla privacy seguite da Google - da EADV e anche QUESTA SPECIFICA INFORMATIVA SINTETICA E/O ESTESA (cliccare sulle frasi sottolineate):

 

Se non hai capito o non riesci a bloccare i cookies, esci da questo sito ma se continui nella navigazione accetti il loro utilizzo.

È concesso  il permesso di copiare, distribuire e/o modificare i testi nostri e di Wikipedia secondo le condizioni delle licenze Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC-BY-SA) e, se non indicato diversamente, GNU Free Documentation License, versione 1.3 o qualsiasi altra versione pubblicata successivamente dalla Free Software Foundation,
 
E' obbligatorio menzionare come fonte questo sito
   LUOGHI_SUD ITALIA * Puglia * Castello Oria
Copyright (c) Krsna Deva   Dichiarazione per la Privacy